TuttoStranieri.it Forum

Visto familiare al seguito di cittadino italiano

amedeo

  • Difensore Civico Di TuttoStranieri
  • *****
  • 14195
    • Mostra profilo
Visto familiare al seguito di cittadino italiano
« il: 02-07-2005, 23:30:39 »
Un saluto a tutti.

Ho più volte indicato la possibilità (da me personamente sperimentata con ottimo esito), per i congiunti di cittadini italiani, di ottenere velocemente (un giorno o poco più) il VISTO PER FAMILIARE AL SEGUITO, che è cosa ben diversa dal visto per ricongiungimento familiare. Ne riporto, quindi, gli estremi normativi presi da quanto già ho scritto in altri topics, affinchè siano ora facilmente reperibili.

*********************************************************

Allo straniero che desideri entrare in territorio italiano al seguito di un familiare residente in Italia, cittadino italiano o di un Paese dell’Unione Europea, ovvero di Paese aderente all’Accordo sullo Spazio Economico Europeo, può essere concesso un visto per \"familiare al seguito\", secondo quanto previsto dal D.P.R. 1656/1965 - modificato dai Decreti Legislativi n.470/1992 e n.358/1999 - e dall’art. 29 del T.U. n.286/98 (ed ora posso aggiungere il DPR 54/2002 - ed ora ancora il DL 30/2007).

Se si va a vedere questo link (forse ormai non più in linea):

http://www.ctcons.com/Files%20in%20Italiano/Ufficio%20Visti/Visto%20Familiare%20al%20Seguito.htm

si troverà tra l\'altro:

L’elemento che determina il ricorso del visto per familiare al seguito in luogo di quello per ricongiungimento familiare è la contestualità del viaggio o dello stabilimento in Italia del ricongiunto.

Il diritto a mantenere l’unità familiare è riconosciuto al familiare straniero al seguito del cittadino italiano o comunitario, a prescindere dal possesso – da parte di quest’ultimo - dei requisiti del reddito e dell’alloggio.

N.B. Il cittadino italiano ha comunque diritto a ricongiungersi con i familiari propri e del coniuge, a prescindere dalla loro cittadinanza, trattandosi di diritto fondamentale garantito dalla Costituzione ex artt. 2, 29 e 30.

 
*********************************************************

... e questo lo scrive proprio un consolato italiano!!!

Oltre al link citato in apertura aggiungo un altro link (forse anche questo non più in linea) segnalatomi:

http://www.ambmosca.ru/index.php?id=33_VisaRule&lib=Visti&p=Visa&l=IT&slib=Visti&sid=Settings


*********************************************************

In entrambi si cita testualmente:

nel 1° (Consolato italiano in Sud Africa):
Qualora si tratti di coniuge, l’atto di matrimonio celebrato nel Paese di accreditamento di questo Consolato dovrà essere trascritto, ovvero in corso di trascrizione presso il Comune italiano competente: sarà sufficiente anche il contestuale invio che il Consolato dovrà assicurare con urgenza prioritaria. In tal caso il Consolato, unitamente al visto di ingresso, rilascerà al richiedente una copia autentica dell\'atto tradotto e legalizzato.

nel 2° (Ambasciata d\'Italia a Mosca):
Se si tratta di coniugi e l’atto di matrimonio è in corso di trasmissione per la trascrizione in Italia, si rilascierà il visto + copia autentica dell’atto, tradotto e legalizzato.

Come si può vedere il visto per familiare al seguito viene rilasciato contestualmente alla presentazione del certificato di matrimonio per la trasmissione al comune italiano di residenza del cittadino italiano così coniugato. Consiglio sempre, però, una raccomanadata alla ambasciata che preavvisi l\'arrivo come prima scritto.


*********************************************************

I due tipi di visto sono apparentemente simili, ma li differenziano due fatti fondamentali: la contestualità del viaggio verso l\'Italia con il cittadino italiano e la stretta parentela.

Nel visto per familiare al seguito lo straniero viaggia, appunto, al seguito del cittadino italiano e ne è un parente stretto. La presenza del cittadino italiano, contestuale con quella dello straniero, è una garanzia per il consolato che rilascia il visto. La stretta parentela impone il mantenimento dell\'unità familiare da cui il consolato non può derogare (è assicurata anche dalla Costituzione).

Nel visto per ricongiungimento, il cittadino italiano è già in Italia e l\'unità familiare non c\'è, ovviamente. Per questo motivo i consolati si prendono il tempo che vogliono. Noi che non siamo affatto stupidi evitiamo di lasciare alcun margine al consolato.

Aggiungo, infine, anche il ritrovamento di una importante sentenza:

Secondo la giurisprudenza della Suprema Corte infatti, in linea di principio, i matrimoni celebrati all’estero tra italiani e stranieri hanno immediata validità nel nostro ordinamento qualora risultino celebrati secondo le forme previste dalla legge straniera
  • ; la loro trascrizione in Italia assume valore meramente certificativo.
  • Cass. 1739/1999 cit.; Cass. civ., sez. I, 13/04/2001, n. 5537, in Riv. dir. internaz. priv. e proc., 2002, 149


da: http://www.insenegal.org/25Immigrazione/Matrimonio_CodCiv.htm
l\'articolo e\' di Cristina Seynabou Sebastiani.

Alcune persone che ho seguito nei loro matrimoni in Moldova, poi, si sono trovate in diverse situazioni pur con il visto per familiare al seguito, in dipendenza di due fatti: la raccomandata preventiva ed i documenti da allegare nella trasmissione del certificato di matrimonio.

Hanno ricevuto il visto in giornata solo coloro che hanno fatto la raccomandata preventiva (v. dietro) ed hanno presentato i certificati cumulativo (residenza, cittadinanza e stato libero) e di nascita (sia pur non richiesto), non autocertificati. Per chi ha prodotto autocertificazione (si può comunque fare) e non ha fatto raccomandata il visto è stato concesso dopo 4 o 5 giorni!!!

Come al solito questa lettera, che propongo in forma di modello, è solo una indicazione e non garantisce nulla, ma potrà essere molto utile, nel caso, anche per un avvocato a cui ci si è rivolti. Vanno inseriti nomi e dati ed eventalmente cambiate alcune frasi se non corrispondenti a quanto accaduto.

*********************************************************************

(data) ____, __ ____ 200_ -

Sig. _____________________________
via _______, __ - 00___ ______ (__)
tel.: 0039 ____ - cel.: 0039 _____


Egr. Sig. Console _____________
Consolato italiano in _________
Via ______________________, ___
________ - ____________________



Raccomandata a R. e FAX


OGGETTO: preavviso di consegna di certificato di matrimonio e richiesta di visto per familiare al seguito.


In data _______ contrarrò matrimonio in ________ con ____________ cittadina/o _______. Dopo aver provveduto alle locali incombenze burocratiche conseguenti, mi recherò accompagnato dal coniuge presso il Consolato in data ____, alle ore ___ (giorni ed orario d’ufficio), per svolgere le seguenti procedure:

a) consegna del certificato di matrimonio legalizzato presso _____________, tradotto con traduzione autenticata e legalizzata presso___________, per la trasmissione al mio comune di residenza ai fini della sua registrazione;

b) richiesta di copia autentica del certificato di cui al punto a);

c) richiesta di visto per familiare al seguito per il coniuge secondo quanto previsto dall’art 5 del D.M. Affari Esteri 12.07.2000, dall’art. 5, comma 3 del D.L. n. 30 del 6.2.2007 (I visti di cui al comma 2 sono rilasciati gratuitamente e con priorità rispetto alle altre richieste.) e dalla normativa dell’U.E., producendo:

- modello di richiesta del visto,
- n. 1 foto formato tessera,
- passaporto del coniuge valido per l’estero, con scadenza _______,
- fotocopia delle pagine del passaporto di cui sopra contenente i dati personali,
- richiesta di presenza in Italia del coniuge con attestazione che egli è a mio carico,
- n. 2. fotocopie di un mio valido documento d’identità contenente dati personali e firma,
- n. 1 certificato contestuale (stato libero, residenza, cittadinanza) ante-matrimonio del sottoscritto,

non saranno invece prodotti:

- ricevuta del pagamento della tariffa consolare per il visto, non dovuta per visto a seguito di matrimonio (v. Istruzioni Consolari Comuni - VII/4),
- assicurazione (cure mediche, rimpatrio per cure mediche, ricovero d\'urgenza) con copertura min. di 30.000 Euro, valida per tutta l\'area Schengen per l’intero periodo del visto richiesto, perché essendo il coniuge a proprio carico egli gode delle prestazioni assicurative nazionali,
- Nulla Osta al ricongiungimento familiare della Questura, non dovuto per i familiari di cittadini italiani,
- altre attestazioni su reddito e/o abitazione, non dovute per coniuge e figli minori anche del coniuge;

Al fine di evitare qualsiasi lungaggine rimetto in allegato le fotocopie delle pagine principali dei passaporti mio e del mio futuro coniuge, in modo da consentire fin da ora al Consolato l’espletamento degli eventuali controlli di routine. In proposito vorrei ricordare che la consegna e l’accettazione dal parte del Consolato, terminale amministrativo italiano, del certificato di matrimonio per la trasmissione e registrazione in Italia rende illegittima qualsiasi attesa della registrazione stessa per la concessione del visto per il coniuge (Cass. 1739/1999 cit.; Cass. civ., sez. I, 13/04/2001, n. 5537, in Riv. dir. internaz. priv. e proc., 2002, 149).

Il mio periodo di ferie per matrimonio scade il _______ e, pertanto, dette procedure dovranno essere esperite dal Consolato entro 24 ore al massimo.

La recente disposizione che imporrebbe un tempo minimo di n. 2 giorni lavorativi per il rilascio del visto per familiare al seguito, derivante dalla necessità di ottenere l’autorizzazione alla stampa del visto dalla stessa Farnesina, nel caso in esame deve ritenersi illegittima per due motivi:
a) non si possono scaricare sull’utente le disfunzioni della Pubblica Amministrazione, in particolar modo in un settore riguardante l’unità familiare;
b) la presente lettera preannuncia con molto anticipo la richiesta di visto per familiare al seguito, con tutti i dati occorrenti al suo rilascio, e pertanto questo Consolato ha tutto il tempo per premunirsi delle necessarie autorizzazioni.

Qualsiasi ritardo mi costringerà a lasciare in loco il coniuge con conseguente rottura dell’unità familiare, diritto fondamentale garantito dalla Costituzione ex artt. 2, 29 e 30, a prescindere dalla nazionalità del coniuge, con tutti i danni morali e materiali che ne deriveranno.

Vorrei precisare che sono stato costretto a sposarmi in ________, anziché in patria, a causa degli impedimenti posti dalla normativa e da questo Consolato, al rilascio di un visto d’ingresso per turismo per il mio coniuge. Ho già predisposto in proposito un ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo contro l’Italia per violazione degli artt. 1, 8, 12, 13, 14, a causa dell’assenza nella normativa della tipologia di visto d’ingresso per matrimonio.

Stanti le difficoltà di comunicazione con gli Uffici Consolari già altre volte riscontrate, in caso di mancata risposta alla presente lettera (che viene prima inviata per FAX e poi, comunque, per raccomandata) dovrò ritenere:

- possibile l’accesso agli Uffici Consolati per la data e l’ora sopra indicati,
- attuabili le procedure sopra descritte,
- sufficiente la documentazione indicata,
- possibile il rilascio del visto per familiare al seguito per il mio coniuge entro e non oltre il ______.

In caso di impedimento all’accesso agli uffici del Consolato e/o ritardo nella concessione del visto per familiare al seguito per il mio coniuge e/o di richiesta di ulteriore documentazione, oltre alle conseguenti azioni legali penali e civili per il risarcimento del danno che eserciterò nei confronti del Consolato e del Ministero degli Affari Esteri, mi vedrei costretto ad aggiungere al predetto ricorso alla Corte Europea anche le violazioni degli artt. 6 e 5/prot. 7.

Distinti saluti,

nome e cognome
__________ (firma) __________

Allegati: fotocopie della pagina principale di n. 2 passaporti.


*********************************************************************

E\' opportuno inviare la lettera prima tramite FAX per l\'immediatezza dell\'arrivo, poi comunque tramite raccomandata con ricevuta di ritorno.   Spesso i Consolati chiamano al telefono indicato, anche per non dover mettere per iscritto niente.

P.S. - Ho aggiornato il testo della lettera alla nuova normativa oggi 24 luglio 2008 e successivamente il 10 settembre 2008.  Segnalo anche che per il modello di lettera per visto per familiare al seguito/ricongiungimento per altri parenti stranieri di cittadini italiani o dei loro coniugi anche stranieri, si trova nel topic:

Ricongiungimento ... step by step - www.tuttostranieri.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=973

AGGIORNAMENTO DEL 4 SETTEMBRE 2010


Mi è recentemente giunta voce che la paternità di questo modello sarebbe stata rivendicata da altri.   Come è noto, la vittoria ha sempre molti padri, mentre la sconfitta è sempre orfana!!!  

Per evitare \"equivoci\" debbo avvisare quindi che qualunque tentativo di spacciare per proprio questo modello vedrà l\'instaurarsi delle necessarie ed inevitabili azioni legali.

In bocca al lupi burocratici consolari italiani,
« Ultima modifica: 10-09-2008, 21:38:13 da amedeo »
Amedeo

Autore dei libri:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
acquistabili su www.edizionidellimpossibile.com

Indice generale (di Amedeo): http://www.tuttostranieri.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=98
Indice di Tuttostranieri - topic rilevanti: http://www.tuttostranieri.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=18786
Amministratore anche di http://www.burocraziaconsolare.com

Solo casi riservatissimi, email: amedeo_si@yahoo.it

Visto familiare al seguito di cittadino italiano
« Risposta #1 il: 03-07-2005, 09:21:03 »
ciao amedeo, come sempre ottimo lavoro, mi permetto solo di segnalare un aggiornamento recentissimo, cosa di questa settimana, che mi perviene direttamente dal nostro consolato a Bucarest, per motivi logistici non è più possibile avere il visto per familiare al seguito in giornata, ma occorrono MINIMO due giorni lavorativi successivi (es. merc. - giov. oppure ven. - lun. ), ciò è dovuto al fatto che l\'autorizzazione alla stampa del visto e del relativo sticker non viene più emessa dal consolato, ma direttamente dalla Farnesina, quindi il processo è legato alla celerità dei loro collegamenti informatici e prevede, comunque, almeno lo spazio di due giorni. Simile procedura, giusto per riscontro, mi è stata documentata anche dall\'ufficio visti della nostra rappresentanza diplomatica a Riyad, in Arabia Saudita.
kogda my ljubili
kogda my umeli letat\'

amedeo

  • Difensore Civico Di TuttoStranieri
  • *****
  • 14195
    • Mostra profilo
Visto familiare al seguito di cittadino italiano
« Risposta #2 il: 03-07-2005, 09:59:07 »
Caro Gavrjusha, ciao.

Innanzitutto hai fatto benissimo a fornire l\'informazione.  In secondo luogo c\'è da constatare che per l\'ennesima volta si tenta di scaricare sull\'utente una disfunzione della Pubblica Ammnistrazione.  Questo fatto va combattuto con ogni mezzo.  

Sono problemi loro se non riescono ad avere nello stesso giorno l\'autorizzazione alla stampa del tagliando del visto.   Il mio modello di diffida preventiva, peraltro, ne annuncia la richiesta con molto anticipo e, pertanto, hanno tutto il tempo di premunirsi.

Approfitto per fare una piccola modifica in proposito.

Un salutone,
Amedeo

Autore dei libri:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
acquistabili su www.edizionidellimpossibile.com

Indice generale (di Amedeo): http://www.tuttostranieri.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=98
Indice di Tuttostranieri - topic rilevanti: http://www.tuttostranieri.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=18786
Amministratore anche di http://www.burocraziaconsolare.com

Solo casi riservatissimi, email: amedeo_si@yahoo.it

xanderx

  • *****
  • 9870
    • Mostra profilo
    • http://www.tuttostranieri.it/
Visto familiare al seguito di cittadino italiano
« Risposta #3 il: 04-07-2005, 07:47:07 »
Ciao Amedeo, concordo pienamente, ritardi nell\'emessione del visto per i parenti di cittadino italiano, sono contrari agli accordi europei di cui l\'italia è firmataria. L\'Italia si è impegnata a facilitare in tutti i modi il rilascio dei visti per i parenti dei cittadini italiani/comunitari. Come ben la Spagna conosce, sono previste sanzioni per il mancato rispetto di tali accordi. In più se si preannuncia il consolato con l\'invio della fotocopia del passaporto in relazione ai dati anagrafici, il consolato non ha proprio scuse. Tale tipologia di visti, in presenza di tutti i documenti necessari a dimostrare la relazione di parentela con il cittadino italiano/comunitario dovrebbe essere rilasciato in frontiera, non potendosi applicare in questi casi il respingimento. Altre sentenze europee hanno appunto accolto la lamentala di chi con gli opportuni documenti presentatosi alla frontiera è stato respinto.
« Ultima modifica: 04-07-2005, 07:48:01 da xanderx »
 

amedeo

  • Difensore Civico Di TuttoStranieri
  • *****
  • 14195
    • Mostra profilo
Visto familiare al seguito di cittadino italiano
« Risposta #4 il: 04-07-2005, 09:02:13 »
Un saluto a tutti.

Preciso meglio il pensiero di Xanderx.

Il coniuge di cittadino italiano (o comunitario) ha uno status particolare.  Potrebbe entrare anche senza visto (o con visto in frontiera), purchè dotato di passaporto valido e certificato di matrimonio (legalizzato, tradotto, ecc.).  Sia il Belgio che la Spagna si sono beccate delle sonore condanne in proposito.  Certo è che, in questi casi, alla frontiera si incontrerà molto spesso il solito \"burocrate imbecille\" (v. topic al mio indice) che dirà l\'altrettanto solito: \"Non si può fare\"!!!  Bisognerebbe, quindi, litigare pesantemente.

Da quì, la necessità/incombenza per il consolato, di rilasciare con estrema rapidità il visto per familiare al seguito.  In caso contrario ne possono seguire diverse (in sedi diverse) cause per risarcimento danni.

Un salutone,
Amedeo

Autore dei libri:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
acquistabili su www.edizionidellimpossibile.com

Indice generale (di Amedeo): http://www.tuttostranieri.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=98
Indice di Tuttostranieri - topic rilevanti: http://www.tuttostranieri.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=18786
Amministratore anche di http://www.burocraziaconsolare.com

Solo casi riservatissimi, email: amedeo_si@yahoo.it

Arianna

  • *****
  • 1023
    • Mostra profilo
Visto familiare al seguito di cittadino italiano
« Risposta #5 il: 04-07-2005, 16:00:25 »
Si potrebbe usare questo visto per il fratello del cittadino italiano?
Mi sto scervellando per una mia amica che ha due bambini italiani e un bambino russo. Marito non si muove (son passati già otto anni dal matrimonio) e ho pensato di usare i figli in quanto sono fratelli del ragazzo russo. Che ne dite?
privet

amedeo

  • Difensore Civico Di TuttoStranieri
  • *****
  • 14195
    • Mostra profilo
Visto familiare al seguito di cittadino italiano
« Risposta #6 il: 04-07-2005, 16:51:30 »
Cara Arianna, ciao.

Questo tipo di visto in teoria, ma solo in teoria, si potrebbe utilizzare anche per i fratelli.  In pratica, purtroppo, no!!!

Dove è il problema?   La vecchia legge 1656 del 1965 aveva il suo bravo decreto di attuazione, ma non prevedeva il ricongiungimento dei fratelli.  La nuova legge 54/2002, include tutti i familiari a carico, ma ... non ha il decreto di attuazione!!!   I consolati fanno riferimento a quello della 1656, che non li prevede, ed ecco il pasticciaccio all\'italiana.

Volendo, con un buon avvocato dietro, si può forzare la mano, ma bisogna litigare non poco.

Un salutone,
Amedeo

Autore dei libri:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
acquistabili su www.edizionidellimpossibile.com

Indice generale (di Amedeo): http://www.tuttostranieri.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=98
Indice di Tuttostranieri - topic rilevanti: http://www.tuttostranieri.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=18786
Amministratore anche di http://www.burocraziaconsolare.com

Solo casi riservatissimi, email: amedeo_si@yahoo.it

Arianna

  • *****
  • 1023
    • Mostra profilo
Visto familiare al seguito di cittadino italiano
« Risposta #7 il: 04-07-2005, 16:58:28 »
Imaginavo. Intanto li ho consigliato di fare le vacanze in Croazia dove tutti entrano senza visto...
privet
test

Visto familiare al seguito di cittadino italiano
« Risposta #8 il: 22-07-2005, 19:27:43 »
Citazione:
Originariamente inviato da Arianna

Imaginavo. Intanto li ho consigliato di fare le vacanze in Croazia dove tutti entrano senza visto...



eventualmente anche se dovesse entrare dalla croazia comunque il cittadino russo dovrebbe munirsi di visto
valeva la pena di votare il cavaliere solo per vedere rosicare gino

Visto familiare al seguito di cittadino italiano
« Risposta #9 il: 08-08-2005, 09:33:32 »
Vedo che da buon comunista censuri e manipoli il pensiero altrui! Te lo potevi risparmiare tanto lasci il tempo che trovi.
 

Visto familiare al seguito di cittadino italiano
« Risposta #10 il: 08-08-2005, 09:39:05 »
Citazione:
Originariamente inviato da Tiziana

Vedo che da buon comunista censuri e manipoli il pensiero altrui! Te lo potevi risparmiare tanto lasci il tempo che trovi.

[:D][:D][:D][:D][:D][:D][:D][:D][:D][:D][:D][:D]
valeva la pena di votare il cavaliere solo per vedere rosicare gino

Visto familiare al seguito di cittadino italiano
« Risposta #11 il: 08-08-2005, 09:44:04 »
a tizia te lo dico con affetto: o la smetti o vai fuori!
valeva la pena di votare il cavaliere solo per vedere rosicare gino

Visto familiare al seguito di cittadino italiano
« Risposta #12 il: 08-08-2005, 09:44:38 »
Risus abundat in ore stultorum
 

Visto familiare al seguito di cittadino italiano
« Risposta #13 il: 08-08-2005, 09:45:18 »
e poi quale affetto, tu mi odi!
 

marziasn

  • *****
  • 1570
    • Mostra profilo
Visto familiare al seguito di cittadino italiano
« Risposta #14 il: 08-08-2005, 09:58:53 »
Citazione
Originariamente inviato da amedeo

Cara Arianna, ciao.

Questo tipo di visto in teoria, ma solo in teoria, si potrebbe utilizzare anche per i fratelli.  In pratica, purtroppo, no!!!

Il legame di parentela è lo stesso previsto per il ricongiungimento?
In buona sostanza vorrei sapere: per un nipote vale questo visto?