Tutto Stranieri
Tutto Stranieri
Home | Profile | Register | Active Topics | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
 All Forums
 Le normative
 Il visto
 adozione di maggiorenne straniero
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Author Previous Topic Topic Next Topic  

paris
Starting Member

Italy
4 Posts

Posted - 09 July 2010 :  18:04:33  Show Profile  Reply with Quote
Io e mio marito ospitiamo da 10 anni a questa parte, per 3 mesi all'anno, una ragazza Bielorussa nell'ambito dei soggiorni per minori stranieri. La ragazza è orfana e ora ha compiuto 18 anni e io vorrei, ovviamente con il suo consenso, poterla adottare. Conosco la procedura da fare per il Tribunale italiano ma quello che non riesco a trovare sono i successivi passi per il rilascio del permesso di soggiorno. Mi spiego meglio se il decreto di adozione viene fatto in Italia in un momento in cui lei è qui (o con visto turistico o con visto per studio la cui pratica è già pendente in Ambasciata, se mai ce lo daranno..), cosa dobbiamo fare poi per trasformare il suo visto/pds temporaneo per turismo e/o studio in uno per adozione ? Deve tornare in Bielorussia e fare richiesta di un nuovo visto ?
Vi ringrazio infinitamente se potrete aiutarmi in questo
Pierina

amedeo
Difensore Civico Di TuttoStranieri

Italy
14194 Posts

Posted - 09 July 2010 :  18:09:22  Show Profile  Reply with Quote
[quote]Io e mio marito ospitiamo da 10 anni a questa parte, per 3 mesi all'anno, una ragazza Bielorussa nell'ambito dei soggiorni per minori stranieri. La ragazza è orfana e ora ha compiuto 18 anni e io vorrei, ovviamente con il suo consenso, poterla adottare. Conosco la procedura da fare per il Tribunale italiano ma quello che non riesco a trovare sono i successivi passi per il rilascio del permesso di soggiorno. Mi spiego meglio se il decreto di adozione viene fatto in Italia in un momento in cui lei è qui (o con visto turistico o con visto per studio la cui pratica è già pendente in Ambasciata, se mai ce lo daranno..), cosa dobbiamo fare poi per trasformare il suo visto/pds temporaneo per turismo e/o studio in uno per adozione ? Deve tornare in Bielorussia e fare richiesta di un nuovo visto ?
Vi ringrazio infinitamente se potrete aiutarmi in questo
Pierina

Originariamente inviato da paris - 09 luglio 2010 :  18:04:33

[/quote]

E' molto pù semplice!!!

Si chiede una Carta di Soggiorno ai sensi del Decreto Legislativo n. 30 del 2007 (cosa diversa da un PdS). E' gratuita, si chiede direttamente in questura (niente kit postale), dura 5 anni la prima volta poi diviene a tempo indeterminato ed offre maggiori garanzie. Consilio di scaricarla dal nostro nuovo sito in allestimento www.tuttostranieri.org . Il testo deve ancora essere formattato tutto, ma si può già scaricare (v. art. 23).

Un saluto,

Amedeo

Autore dei libri:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
acquistabili su www.edizionidellimpossibile.com

Indice generale (di Amedeo): http://www.tuttostranieri.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=98
Indice di Tuttostranieri - topic rilevanti: http://www.tuttostranieri.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=18786
Amministratore anche di http://www.burocraziaconsolare.com

Solo casi riservatissimi, email: amedeo_si@yahoo.it
Go to Top of Page

paris
Starting Member

Italy
4 Posts

Posted - 09 July 2010 :  18:14:44  Show Profile  Reply with Quote
Grazie infinite dell'informazione, mi fa sperare che riusciremo a farcela finalmente.

Cordiali saluti
Pierina
Go to Top of Page

Barranqueño
Moderatore (anche in www.tuttocolombia.com)

Colombia
2790 Posts

Posted - 10 July 2010 :  03:02:30  Show Profile  Reply with Quote
[quote][quote]Io e mio marito ospitiamo da 10 anni a questa parte, per 3 mesi all'anno, una ragazza Bielorussa nell'ambito dei soggiorni per minori stranieri. La ragazza è orfana e ora ha compiuto 18 anni e io vorrei, ovviamente con il suo consenso, poterla adottare. Conosco la procedura da fare per il Tribunale italiano ma quello che non riesco a trovare sono i successivi passi per il rilascio del permesso di soggiorno. Mi spiego meglio se il decreto di adozione viene fatto in Italia in un momento in cui lei è qui (o con visto turistico o con visto per studio la cui pratica è già pendente in Ambasciata, se mai ce lo daranno..), cosa dobbiamo fare poi per trasformare il suo visto/pds temporaneo per turismo e/o studio in uno per adozione ? Deve tornare in Bielorussia e fare richiesta di un nuovo visto ?
Vi ringrazio infinitamente se potrete aiutarmi in questo
Pierina

Originariamente inviato da paris - 09 luglio 2010 :  18:04:33

[/quote]

E' molto pù semplice!!!

Si chiede una Carta di Soggiorno ai sensi del Decreto Legislativo n. 30 del 2007 (cosa diversa da un PdS). E' gratuita, si chiede direttamente in questura (niente kit postale), dura 5 anni la prima volta poi diviene a tempo indeterminato ed offre maggiori garanzie. Consilio di scaricarla dal nostro nuovo sito in allestimento www.tuttostranieri.org . Il testo deve ancora essere formattato tutto, ma si può già scaricare (v. art. 23).

Un saluto,

Originally posted by amedeo - 09 July 2010 :  18:09:22

[/quote]

Amedeo,non vorrei sbagliarmi ma ricordo che il Dott.Scolaro scrisse su burocraziaconsolare che l'adozione di maggiorenne non faceva maturare il diritto né ad un visto d'ingresso, né ad un titolo di soggiorno,né cittadinanza...spero tu possa smentirmi!
Ciao
Go to Top of Page

amedeo
Difensore Civico Di TuttoStranieri

Italy
14194 Posts

Posted - 10 July 2010 :  09:18:23  Show Profile  Reply with Quote
[quote]
Amedeo,non vorrei sbagliarmi ma ricordo che il Dott.Scolaro scrisse su burocraziaconsolare che l'adozione di maggiorenne non faceva maturare il diritto né ad un visto d'ingresso, né ad un titolo di soggiorno,né cittadinanza...spero tu possa smentirmi!
Ciao

Originariamente inviato da Barranqueño - 10 luglio 2010 :  03:02:30

[/quote]

Non mi ricordo di una discussione di questo tipo. Dopo faccio una ricerca.

Fatta la ricerca ho trovato:

[quote]L'adozione, di persona maggiorenne, pronunciata all'estero può essere riconosciuta in Italia, a mente dell'art. 65 L. 31 maggio 1995, n. 218.
Per altro, tale efficacia non è oggetto di alcuna registrazione in Italia, poiché l'adozione di persona maggiorenne ha riguardo ad un cittadino straniero, né produce effetti di sorta dal punto di vista delle norme in materia d'ingresso e di soggiorno degli stranieri, né, meno ancora, dal punto di vista della cittadinanza.
In altre parole, adottato era e rimane cittadino di Stato terzo, ad ogni effetto.

L'intervenuta adozione potrebbe, in questa fase, avere effetti nell'eventualità di un decesso dell'adottante (che, ovviamente, nessuno auspica o preconizza), al fine di far valere la qualitò di erede in sede di successione.

Qualora la persona adottata ottenga in visto d'ingresso, eventualmente anche con le procedure del contratto di soggiorno, ed ottenga, una volta entrato il permesso di soggiorno (aspetti che, tutti, devono tenere conto delle "quote" d'ingresso previste dal c.d. flussi di programmazione degli ingressi), una volta decorsi 5 anni di residenza legale in Italia, successivi all'adozione, la persona potrà richiedere la concessione della cittadinanza italiana, producendo, in quella occasione, copia autentica dell'atto di adozione pronunciata all'estero, munito di legalizzazione e, separatamente, di traduzione in forma ufficiale, nonché degli atti/documenti idonei a comprovare la sussistenza delle condizioni per il riconoscimento della sentenza stessa.

Sereno Scolaro


http://www.burocraziaconsolare.com/adozioni-quante-difficolta-f71/adozione-di-un-ragazzo-maggiorenne-del-peru-t815.htm
[/quote]

In tal caso egli si riferisce ad una adozione di maggiorenne pronunciata all'estero. Nel caso in esame si prospetta invece una adozione di maggiorenne in Italia e ritengo che cambi molto la situazione.

Un saluto,

Amedeo

Autore dei libri:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
acquistabili su www.edizionidellimpossibile.com

Indice generale (di Amedeo): http://www.tuttostranieri.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=98
Indice di Tuttostranieri - topic rilevanti: http://www.tuttostranieri.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=18786
Amministratore anche di http://www.burocraziaconsolare.com

Solo casi riservatissimi, email: amedeo_si@yahoo.it
Go to Top of Page

paris
Starting Member

Italy
4 Posts

Posted - 14 July 2010 :  16:57:54  Show Profile  Reply with Quote
Egregio Signor Amedeo
Ho letto con attenzione il D.L.06.02.2007 n. 30 da lei indicatomi e vorrei sottoporle le seguenti osservazioni :
l'art 2 definisce tra i "familiari" i discendenti diretti di età inferiore a 21 anni o a carico e di conseguenza l'art 10 e seguenti che regola il rilascio della carta di soggiorno si rifà sempre alla definizione di "familiare"
Ora le chiedo una ragazza di 18 anni che verrà da me adottata presso un tribunale italiano (previo suo ingresso in Italia con visto turistico) viene considerata "discendente diretto minore di 21 anni "? E' la parola discendente diretto che mi fa pensare a qualche ostacolo anche se per la nostra legge un figlio adottato ha poi gli stessi diritti di un figlio naturale.
Ringrazio anticipatamente
saluti

Pierina
Go to Top of Page

amedeo
Difensore Civico Di TuttoStranieri

Italy
14194 Posts

Posted - 14 July 2010 :  17:52:14  Show Profile  Reply with Quote
[quote]Egregio Signor Amedeo
Ho letto con attenzione il D.L.06.02.2007 n. 30 da lei indicatomi e vorrei sottoporle le seguenti osservazioni :
l'art 2 definisce tra i "familiari" i discendenti diretti di età inferiore a 21 anni o a carico e di conseguenza l'art 10 e seguenti che regola il rilascio della carta di soggiorno si rifà sempre alla definizione di "familiare"
Ora le chiedo una ragazza di 18 anni che verrà da me adottata presso un tribunale italiano (previo suo ingresso in Italia con visto turistico) viene considerata "discendente diretto minore di 21 anni "? E' la parola discendente diretto che mi fa pensare a qualche ostacolo anche se per la nostra legge un figlio adottato ha poi gli stessi diritti di un figlio naturale.
Ringrazio anticipatamente
saluti

Pierina

Originariamente inviato da paris - 14 luglio 2010 :  16:57:54

[/quote]

Conoscendo la burocrazia italiana, proveranno a porre questioni. Pur tuttavia un figlio adottato in Italia è assolutamente equivalente ad un figlio naturale. Anche per il TU 286 lo è.

Un saluto,

Amedeo

Autore dei libri:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
acquistabili su www.edizionidellimpossibile.com

Indice generale (di Amedeo): http://www.tuttostranieri.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=98
Indice di Tuttostranieri - topic rilevanti: http://www.tuttostranieri.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=18786
Amministratore anche di http://www.burocraziaconsolare.com

Solo casi riservatissimi, email: amedeo_si@yahoo.it
Go to Top of Page

Straniera
Moderatrice esperta in TU 286

Ecuador
987 Posts

Posted - 15 July 2010 :  20:10:49  Show Profile  Reply with Quote

Cara Paris, non preoccuparti, una volta ottenuto il decreto vi recati alla Questura competente e chiedete la Carta di Soggiorno per familiare di cittadino italiano, documenti da portare sono:

Copia del decreto (originale in visione)
Copia del passaporto.
4 fotografie
Marca da bollo di 14,62
Dichiarazione di sostentamento (firmata dal genitore adottivo)
Eventuale Copia del CUD o Dichiarazione di reddito.

Comunque non ci sono dei problemi si il suo visto o Permesso di soggiorno sono già scaduti al momento della richiesta del Permesso, la situazione e sanabile se il tutto si fa entro un anno della scadenza del permesso posseduto.

Ho seguito da poco due adozioni di maggiorenni, la procedura di adozione non è durata ne anche tre mesi.
Uno di loro addirittura era senza documenti dalla nascita, adesso tutti i due hanno la Carta di Soggiorno.



Operatore di Sportello Segretariato Sociale.
Sede: Ufficio Servizi Sociali nei Comuni di Alatri (FR) - Paliano(FR)- Sgurgola (FR).
Distretto Socio Assistenziale "A" (FR)


"PERSEVERANZA, TENACIA, DETERMINAZIONE,.........MA LA ESTRADA E ANCORA LUNGA...... NON DEMORDERE"
Go to Top of Page

oi34900
Starting Member

Italy
6 Posts

Posted - 15 July 2012 :  12:08:18  Show Profile  Reply with Quote
buongiorno a tutti,
io e mio marito, cittadini italiani, stiamo per presentare al Tribunale della nostra città istanza per l'adozione di un ragazzo di 18 anni di nazionalità russa, che ospitiamo nella nostra famiglia nei mesi estivi ormai da molti anni.
nell'attesa della convocazione in Tribunale, vorremmo invitare presso di noi il ragazzo per motivi di studio, accollandoci ovviamente tutte le spese, ma ci è stato detto che il visto di ingresso per studio (tecnico professionale, non universitario) viene concesso nel regime delle quote, e non sappiamo se queste quote siano ancora disponibili, quindi temiamo che il visto verrebbe negato,
l'alternativa sarebbe un invito per turismo, ma la sua breve durata ci fa temere che tale visto scada prima della decisione dl Tribunale, costringendo il ragazzo a tornare in Russia dove probabilmente avrebbe nel frattempo perso il posto nel collegio dove studia ora.
secondo la sua esperienza, quale strada è meglio percorrere?
se, quando il Giudice dovesse convocare il ragazzo per prestare il consenso all'adozione, lui fosse in Russia, avrebbe diritto ad entrare in Italia per presentarsi al Giudice? con quale tpo di visto?
un ultimo aiuto, conoscete un riferimento a Brescia che ci possa seguire in questo percorso burocratico?
ringraziamo tantissimo per i consigli che vorrete prestarci.
Go to Top of Page

Straniera
Moderatrice esperta in TU 286

Ecuador
987 Posts

Posted - 16 July 2012 :  13:55:09  Show Profile  Reply with Quote


Ho ricevuto la sua e-mail e ho provvedutoa risponderLe, posto la risposta per caso qualche elemento possa essere di valito aiuto per un altro utente.

Infatti i visti per studio(qualificazione professionali e tirocinio) sono decretati ogni anno con decreto del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali che stabilisce un certo n° di quote per i cittadini stranieri che intendono venire in Italia per seguire corsi di qualificazione professionale e tirocinio, il decreto normalmente esce alla fine di Agosto o metta settembre, e più meno si aggira fra i 10.000 posti.

Quindi se pensate chiedere una quota, il mio consiglio è di stare attenti quando esce il decreto nel frattempo leggere tutta la normativa al riguardo, perché il corso professionale che si intende seguire deve essere organizzato da un Ente di Formazione accreditato secondo le norme dell’articolo 142, comma 1 lett.d) del decreto legislativo 31 Marzo 1998, n°112, cercate nella vostra regione/città quali sono gli enti di formazioni accreditati, che stanno organizzando corsi professionali che partono questo autunno/inverno per poi mettervi in contatto con loro per fare tutta la documentazione necessaria.

Si invece riuscite a farlo entrare per turismo, insieme alla domanda presentata al Presidente del Tribunale Civile, allegate una vostra lettera dove chiedete al Presidente di “agevolare” la vostra richiesta esponendo tutti i motivi necessari, in modo che l’appuntamento si possa fissare entro i termini della data del visto, espero che con la lettera che inviate allegata il Presidente fisse la data dell'incontro entro il tempo che il ragazzo sta qui, caso contrario per rientrare il visto d’ingresso sarà sempre per turismo.

Purtroppo non conosco nessuno che Vi possa aiutare in questo percorso, l’unica cosa che posso fare è contattare una amica che abita a Castagneta, (non so quanto dista da Voi) credo che lavora proprio in un Centro di Formazione Professionale, ma non sono sicura, potrebbe aiutarvi nel caso optate per la quota per studio, sempre che il Centro dove lavora sia iscritto secondo le norme sopra specificate.

cordiali saluti.


Operatore di Sportello Segretariato Sociale.
Sede: Ufficio Servizi Sociali nei Comuni di Alatri (FR) - Paliano(FR)- Sgurgola (FR).
Distretto Socio Assistenziale "A" (FR)


"PERSEVERANZA, TENACIA, DETERMINAZIONE,.........MA LA ESTRADA E ANCORA LUNGA...... NON DEMORDERE"
Go to Top of Page

oi34900
Starting Member

Italy
6 Posts

Posted - 12 September 2012 :  09:58:09  Show Profile  Reply with Quote
buongiorno a tutti, alla fine abbiamo optato per il nostro ragazzo per la richiesta di un visto turistico in prossimità dell'udienza di adozione. purtroppo, lui ha ricevuto la chiamata per la seconda visita di leva (in primavera era stato dichiarato rivedibile) e quindi non potrà uscire dalla Russia prima che venga deciso se è abile o meno, nel caso lo fosse partirà immediatamente per il servizio militare (12 mesi).
ho letto inoltre che, dopo il congedo in Russia c'è divieto di espatrio per anni!!!! anche per i semplici militari di leva.
qualcuno di voi è meglio informato e sa cosa si può fare per chiedere eventualmente un permesso di pochi giorni al Distretto militare russo per venire in Italia subito dopo il congedo?
Go to Top of Page

amedeo
Difensore Civico Di TuttoStranieri

Italy
14194 Posts

Posted - 13 September 2012 :  07:06:04  Show Profile  Reply with Quote
[quote]buongiorno a tutti, alla fine abbiamo optato per il nostro ragazzo per la richiesta di un visto turistico in prossimità dell'udienza di adozione. purtroppo, lui ha ricevuto la chiamata per la seconda visita di leva (in primavera era stato dichiarato rivedibile) e quindi non potrà uscire dalla Russia prima che venga deciso se è abile o meno, nel caso lo fosse partirà immediatamente per il servizio militare (12 mesi).
ho letto inoltre che, dopo il congedo in Russia c'è divieto di espatrio per anni!!!! anche per i semplici militari di leva.
qualcuno di voi è meglio informato e sa cosa si può fare per chiedere eventualmente un permesso di pochi giorni al Distretto militare russo per venire in Italia subito dopo il congedo?

Originariamente inviato da oi34900 - 12 settembre 2012 :  09:58:09

[/quote]

Per quanto assai disdicevole, so che nei paesi ex sovietici è possibile evitare il servizio di leva ... pagando. Sembra sia una prassi consueta. Il ragazzo dovrebbe quindi cominciare ad assumere informazioni in loco.

Un saluto,

Amedeo

Autore dei libri:
- Manuale di sopravvivenza burocratica per italiani con partner straniero
- Ricongiungimento ... step by step
acquistabili su www.edizionidellimpossibile.com

Indice generale (di Amedeo): http://www.tuttostranieri.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=98
Indice di Tuttostranieri - topic rilevanti: http://www.tuttostranieri.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=18786
Amministratore anche di http://www.burocraziaconsolare.com

Solo casi riservatissimi, email: amedeo_si@yahoo.it
Go to Top of Page

oi34900
Starting Member

Italy
6 Posts

Posted - 13 September 2012 :  10:11:20  Show Profile  Reply with Quote
Grazie Amedeo per la pronta risposta. In effetti temiamo anche noi che in quel tipo di società (non che da noi fosse molto meglio peraltro), utilizzino questi ragazzi di orfanatrofio, quindi presumibilmente senza protezioni e mezzi.... per riempire le liste dei coscritti, a beneficio di chi è "appoggiato".
Lui fra l'altro è un ragazzo buonissimo ed anche molto ingenuo, proprio perchè ha vissuto sempre in strutture chiuse all'esterno, per cuo davvero temiamo che se ne approfittino e lo arruolino anche se ha problemi di salute reali (ha avuto la TBC ed è anche stato due anni in sanatorio, in Italia non l'avrebbero mai arruolato col rischio che la TBC si riattivasse ad infettare tutta la camerata...)
Go to Top of Page

emina0444
Junior Member

Italy
118 Posts

Posted - 13 September 2012 :  10:48:41  Show Profile  Reply with Quote
Questa discussione è molto interessante , io e mio marito pensavamo di adorate una sua nipote che ha 27 anni perché i suoi genitori non possono sostenerla in quanto vivono i un monolocale e a lavorare è solo il padre, ma pensavamo forse impossibile visto che è maggiorenne vorrei sapere in caso sia possible quali passi dobbiamo fare .
Dobbiamo fare adozione in Italia osi potrebbe fare nel paese di origine ?
Go to Top of Page

oi34900
Starting Member

Italy
6 Posts

Posted - 13 September 2012 :  14:32:15  Show Profile  Reply with Quote
L'adozione di un maggiorenne, che è diversa da quella dei minori di età, si fa in Italia presso il Tribunale del luogo di residenza dell'adottante.
Per capire la procedura e sapere che documentazione serve ti consiglio di entrare nel sito del Tribunale della tua città e di cercare "adozione di maggiorenne", escono informazioni dettagliate.
Go to Top of Page

emina0444
Junior Member

Italy
118 Posts

Posted - 13 September 2012 :  16:09:01  Show Profile  Reply with Quote
Grazie .
Go to Top of Page

Rino Maria
Starting Member

Italy
1 Posts

Posted - 26 January 2013 :  20:33:18  Show Profile  Reply with Quote
Sto adottando un ragazzo 25enne pakistano di religione cristiana. Ho già avviato l'iter legale e a dicembre 2012 abbiamo entrambi dato il ns/ consenso in aula alla giudice del tribunale. Il ragazzo è qui grazie a un visto turistico di 3 mesi. La giudice chiede l'assenso della madre, ma il governo pakistano non mi convalida la procura, perchè un maggiorenne maschio in pakistan non necessita di alcun assenso materno per decidere della propria adozione. Sto cercando di ottenere un Affidavit con cui la madre possa dare la sua opinione favorevole. Oppure devo trovare la legge pakistana che consente al ragazzo di decidere per se stesso. Come fare se non riesco a stare nei tre mesi di visto turistico?
Go to Top of Page

guido.ch
Starting Member

Italy
7 Posts

Posted - 28 September 2013 :  19:22:24  Show Profile  Reply with Quote
Buongiorno,
non so se posto correttamente qui.
Sono Italiano, non coniugato, ho 48 anni e desidero adottare un maggiorenne siriano di 23 anni.
Se ho ben capito conviene che l'adottando sia presente in Italia?
Purtroppo in caso di visto turistico questo ha una durata massima di 15 o 30 giorni (l'ha già ottenuto tre volte su invito).
Al momento non saprei quale altro visto ottenere, forse per frequentare un ospedale visto che è laureato in medicina?
Come mi devo muovere?
Abito a Torino.
Grazie
Go to Top of Page

guido.ch
Starting Member

Italy
7 Posts

Posted - 28 September 2013 :  19:32:48  Show Profile  Reply with Quote
Buongiorno,
non so se posto correttamente qui.
Sono Italiano, non coniugato, ho 48 anni e desidero adottare un maggiorenne siriano di 23 anni.
Se ho ben capito conviene che l'adottando sia presente in Italia?
Purtroppo in caso di visto turistico questo ha una durata massima di 15 o 30 giorni (l'ha già ottenuto tre volte su invito).
Al momento non saprei quale altro visto ottenere, forse per frequentare un ospedale visto che è laureato in medicina?
Come mi devo muovere?
Abito a Torino.
Grazie
Go to Top of Page
  Previous Topic Topic Next Topic  
 New Topic  Reply to Topic
 Printer Friendly
Jump To:
Tutto Stranieri © Tutto Stranieri Go To Top Of Page
Pagina elaborata in 0.19 secondi. Snitz Forums 2000